Isolmant per la ristrutturazione perfetta

Isolmant per la ristrutturazione perfetta

Isolmant per la ristrutturazione perfetta

In occasione di una ristrutturazione eseguita in un appartamento di Milano costruito intorno agli anni 70 è stato utilizzato IsolTile AD, uno strato resiliente biadesivo applicato alla preesistente pavimentazione in marmo e successivamente incollato sullo strato resiliente un parquet prefinito due strati.

Prima di procedere alla stesura della nuova pavimentazione sono stati svolti dei rilievi fonometrici che hanno riportato un valore di Lnw pre intervento di 83 dB. Questo valore è molto alto se paragonato al limite normativo che prevede un livello sonoro non superiore a 63dB tuttavia è un valore molto comune nell’edilizia precedente agli anni 2000. Un solaio di laterocemento 20+4 con un massetto in sabbia e cemento non isolato ha un range di valori che vanno tra i 75 e gli 85 dB.

Sulla pavimentazione esistente, costituita da marmo, è stato installato Isolmant IsolTile AD . La scelta dello strato adesivo è funzionale ad una posa rapida e pulita, infatti non richiede l’abrasione della pavimentazione per renderla porosa e permeabile alle colle.

Sullo strato resiliente una volta applicata la pavimentazione in legno incollata sono stati ripetuti i rilievi fonometrici che hanno misurato un valore di 61 dB quindi all’interno dei limiti normativi con un abbattimento ∆Lw = 22dB.

foto
foto
foto
foto
foto

Contenuti correlati

Superbonus: attenzione ai requisiti acustici

Per ottenere il Superbonus è necessario possedere e rispettare una serie di requisiti sia per gli interventi di efficientamento energetico sia per quelli di riduzione del rischio sismico, ma non tutti forse sono a conoscenza del fatto che si può usufruire dello sgravio fiscale solo se si rispettano in primis i vincoli legislativi, nazionali e regionali, previsti in ambito edilizio (Dps 380/2001), energetico (Dlgs 192/05) e di sicurezza (intesa sia come sicurezza sui cantieri sia come sicurezza anticendio). Da ciò ne deriva che per tutti gli interventi di riqualificazione è fondamentale rispettare anche i requisiti legislativi in materia di acustica, dal momento che i lavori di riqualificazione energetica e strutturale possono portare a una variazione di questi requisiti discostandosi da quanto previsto dal Dpcm 5 dicembre 1997. Quest'ultimo decreto, in particolare, si applica anche nei casi di ristrutturazione che prevedano il rifacimento anche parziale di impianti tecnologici, partizioni orizzontali o verticali (solai, coperture, pareti divisorie) e delle chiusure esterne dell'edificio (ad eccezione della sola tinteggiatura delle facciate). In caso, invece, di lavori parziali come ad esempio la sola coibentazione dell'involucro opaco di facciata, sembrerebbe invece sufficiente garantire un miglioramento acustico, e non un adeguamento ai valori di legge.

Smart working: bonus per i dipendenti e tanto bisogno di comfort per le proprie case

Una delle novità del Decreto Sostegni approvato dal Governo è la proroga per l'intero 2021 di un bonus destinato a tutti i lavoratori dipendenti alle prese con lo smart working. L'incentivo, infatti, mette a disposizione un importo di 516,46 euro per agevolare il lavoro da casa attraverso l'acquisto di prodotti come scrivanie, sedie, lampade e dispositivi elettronici per migliorare e rendere più adeguato l'ufficio "domestico".