09 Gennaio 2019

Misurare il rumore con un app: ecco OpeNoise

Si chiama OpeNoise è ed un'applicazione per smartphone e tablet che monitora il livello del rumore. Uno strumento utile per combattere l'inquinamento acustico che è stato messo a punto dall'Arpa Piemonte in collaborazione con il Politecnico di Torino e l'Istituto Superiore Mario Boella di Torino. 

Grazie al lavoro del team di ricerca, i nostri cellulari possono trasformarsi in fonometri per rilevare il livello dei suoni e dei rumori che ci circondano. Implementata per smartphone con sistema operativo Android e iOs, OpeNoise è uno strumento gratuito e open-source che ci permette di conoscere in tempo reale l'entità dell'inquinamento acustico a cui siamo esposti nel luogo in cui ci troviamo.

Quanto è attendibile OpeNoise?

Verificata con diversi test effettuati in laboratorio e sul campo, condotti su diversi dispositivi e confrontando i risultati con fonometri professionali, OpeNoise è risultato un sistema efficace per la rilevazione del rumore. Pur con alcune differenze nell’accuratezza dei dati, infatti, tutti gli apparecchi analizzati hanno fornito una buona risposta nella gamma di livelli sonori tipica dei rumori ambientali (45 - 80 dBA).

L’applicazione, che in ogni caso non può sostituirsi all’attendibilità e precisione del fonometro professionale, consente la misurazione del livello equivalente di pressione sonora ponderato A e l’analisi in frequenza in terzi di ottava e a banda costante (FFT).

                                     

«Lo sviluppo di OpeNoise - ha dichiarato il direttore di Arpa Piemonte Angelo Robotto - è una sfida che ci siamo prefissi per ampliare la rete di monitoraggio acustico gestita da Arpa ottimizzando le risorse disponibili e, nel contempo, per sensibilizzare i cittadini in modo consapevole sul tema del rumore, che molte volte è causa di fastidio e di deterioramento della qualità della vita».