09 Ottobre 2018

Curiosità sui suoni animali

Non sono poche le stranezze o le particolarità che contraddistinguono le diverse specie che popolano in lungo e in largo ogni centimetro del nostro amato pianeta Terra, acque incluse.

Altrettanto numerose sono le curiosità sui suoni degli animali, che spaziano dalle capacità che questi ultimi hanno di influenzare la vita intorno a sé, grazie alla creazione di reti di comunicazioni invisibili spesso molto ampie, alla possibilità di fornire a scienziati e studiosi spunti preziosi che potrebbero riuscire a migliorare la qualità della nostra vita.

Cinguettii, latrati, ululati, barriti, trilli, grugniti, ruggiti e nitriti, infatti, assolvono compiti ben precisi che – oltre a garantire la corretta sopravvivenza della specie – aiutano noi umani ad elaborare tecnologie sempre più sviluppate.

Le geometrie complesse della tela di ragno

È questo il caso della tela di ragno, una delle strutture naturali più famose dell'intero regno animale che, proprio grazie alla sua complessa forma geometrica, si è rivelata essere molto importante nella lotta contro l'inquinamento acustico.

La tela del ragno, copia carbone di quegli stessi labirinti edificati dall'uomo, ha l'incredibile capacità di ridurre sensibilmente le onde sonore a bassa frequenza che – a causa della loro elevata resistenza alla schermatura – costituiscono una delle principali fonti di rumore.

Le particolari proprietà delle ragnatele, generate proprio dalla rigorosa geometria di queste opere d'arte naturali, riescono dunque ad interferire con le strutture delle onde sonore, placandone drasticamente l'intensità senza dover ricorrere all'uso di barriere molto ingombranti.

Alla stessa maniera, Isolmant consiglia di dotarsi di prodotti grazie ai quali minimizzare le emissioni sonore esterne e tutelare il proprio udito.

Il linguaggio dell’imitatore beluga

Se le tele dei ragni si rivelano particolarmente utili in campo medico, il linguaggio del beluga – un cetaceo bianco che popola le gelide acque dei mari del nord – ha catturato l'attenzione degli specialisti di tutto il mondo.

Potrebbe sembrare impossibile, ma il verso del beluga, tanto acuto e chiassoso da essere simile sotto molti aspetti ad un cinguettio – i beluga sono infatti conosciuti da secoli tra i marinai con il nome di "canarini dei mari" – risponde a regole molto complesse.

Il beluga, infatti, è un cetaceo dotato di un'intelligenza così svilupata da consentirgli di modulare a proprio piacimento la voce, tanto da riuscire ad imitare il linguaggio umano, seppur in maniera grossolana, in caso di pericoli improvvisi o difficoltà di orientamento.

Il canto della balena, un vero e proprio oggetto di studio

Come non menzionare poi il canto della balena, un fenomeno che da millenni strega scienziati e studiosi che si ritrovano a solcare le acque azzurre degli oceani?

Questi grandi cetacei hanno imparato a sfruttare al massimo le proprietà del suono, che si muove nell'acqua quattro volte più velocemente di quanto faccia nell'aria, riuscendo a far viaggiare per molti chilometri ed in poco tempo messaggi estremamente complessi.